Centro Naima - Disturbo di Tourette - Centro di Psicoterapia Infantile Campano Naima

Vai ai contenuti

Menu principale:

Centro Naima - Disturbo di Tourette

Trattamenti > Classificazione dei Disturbi > Disturbi da Tic

Le manifestazioni fondamentali del Disturbo di Tourette sono tic motori multipli e uno o più tic vocali.

Essi possono comparire simultaneamente o in diversi periodi nel corso della malattia. I tic si manifestano molte volte al giorno, in modo ricorrente per un periodo di più di 1 anno. Durante questo periodo, non vi è mai un periodo senza tic che duri più di 3 mesi consecutivi.

L’esordio del disturbo avviene prima dei 18 anni di età. I tic non sono dovuti agli effetti fisiologici diretti di una sostanza (per es., stimolanti) o di una condizione medica generale (per es., malattia di Huntington o encefalite postvirale).

La localizzazione anatomica, il numero, la frequenza, la complessità, e la gravità dei tic variano nel tempo. Tic motori semplici e complessi possono riguardare qualunque parte del corpo inclusi la faccia, la testa, il tronco e gli arti superiori ed inferiori. I tic motori semplici sono contrazioni rapide e senza significato di uno o di alcuni muscoli, come l’ammiccare. Possono essere presenti tic motori complessi che comprendono toccare, accovacciarsi, inginocchiarsi profondamente, passi indietro, e piroette durante la marcia. I tic vocali includono varie parole o suoni, come schiocchi, grugniti, guaiti, abbai, tirare su col naso, sbuffi, e colpi di tosse.

La coprolalia, un tic vocale complesso che comporta lo sbottare con parole oscene, è presente soltanto in una piccola minoranza di soggetti (meno del 10%) e non è un requisito per la diagnosi di Disturbo di Tourette.

In circa la metà dei soggetti affetti dal disturbo, i primi sintomi che compaiono sono accessi di un singolo tic, più frequentemente ammiccamenti, meno frequentemente tic che riguardano un’altra parte della faccia o del corpo. Meno frequentemente, i tic iniziali coinvolgono un’altra parte della faccia o del corpo, come le smorfie facciali, le contrazioni della testa, protrusione della lingua, accovacciamento, tirare su col naso, saltellare su uno o su due piedi, raschiarsi la gola, un blocco simile alla balbuzie nella fluidità dell’eloquio, balbettare, sbottare con suoni o parole e coprolalia. Talvolta questo disturbo inizia con sintomi multipli che insorgono nello stesso momento.


brano tratto dal DSM IV TR, American Psychiatric Association, Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, Text Revision con Casi Clinici, Masson 2007

 
Torna ai contenuti | Torna al menu