Centro Naima - Disturbo della Fonazione - Centro di Psicoterapia Infantile Campano Naima

Vai ai contenuti

Menu principale:

Centro Naima - Disturbo della Fonazione

Trattamenti > Classificazione dei Disturbi > Disturbi della Comunicazione

La caratteristica fondamentale del Disturbo della Fonazione è un’incapacità di usare i suoni dell’eloquio attesi in base al livello di sviluppo, e adeguati all’età e alla lingua del soggetto.

Ciò può comprendere errori nella produzione, nell’uso, nella rappresentazione, o nell’organizzazione dei suoni, come (ma non solo), sostituzioni di un suono per un altro (uso del /t/ al posto del suono /k/) oppure omissioni di suoni (per es., consonanti finali). Le difficoltà nella produzione dei suoni dell’eloquio interferiscono con i risultati scolastici o lavorativi, oppure con la comunicazione sociale.

Se sono presenti Ritardo Mentale, un deficit motorio della parola, o un deficit sensoriale, oppure una deprivazione ambientale, le difficoltà di eloquio vanno al di là di quelle di solito associate con questi problemi.

Il Disturbo della Fonazione include errori di produzione fonetica (cioè di articolazione) che comportano l’incapacità di formare i suoni dell’eloquio in modo corretto e con una base cognitivamente esatta, il che porta ad un deficit nella categorizzazione linguistica dei suoni dell’eloquio (per es., una difficoltà di decidere quali suoni nel linguaggio creano una differenza di significato).

La gravità varia da uno scarso o nullo effetto sull’intellegibilità dell’eloquio ad un eloquio del tutto incomprensibile.

Le omissioni di suoni sono tipicamente viste come più gravi rispetto alle sostituzioni di suoni, che a loro volta sono più gravi delle distorsioni di suoni.

I suoni più frequentemente malarticolati sono quelli acquisiti più tardi nella sequenza dello sviluppo (l, r, s, z, gl, gn, c), ma nei soggetti più giovani o più gravemente ammalati sono interessate anche le consonanti e le vocali che si sviluppano in precedenza. La blesità (cioè la malarticolazione delle sibilanti) è particolarmente comune.

Il Disturbo della Fonazione può anche comprendere errori di selezione e di ordinazione dei suoni all’interno di sillabe e parole (per es., trub per turb, petr per pret).


brano tratto dal DSM IV TR, American Psychiatric Association, Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, Text Revision con Casi Clinici, Masson 2007

 
Torna ai contenuti | Torna al menu